La magia di Porto Badisco

Delle barche legate sugli scogli di Porto Badisco al tramonto

Condividi

Il mio primo post non poteva non essere su Porto Badisco: il mio mare, la mia terra, il mio Salento. Mi sento fortunato a vivere in questa terra baciata dal sole a pochi chilometri da Otranto e Porto Badisco. In questo porticciolo la tramontana soffia che è un piacere, tale da rendere il mare una tavola, dove il cielo e la terra si rifletteno su di esso diventando un tutt’uno.

Un mio consiglio per chi si reca in vacanza nel Salento: studiate bene il vento, Porto Badisco è splendida quando è tramontana.

Porto Badisco non è una semplice insenatura incastonata nel punto più a oriente del Salento abitata da pescatori, è molto di più. Infatti, percorrendo la litoranea che va da Otranto a Santa Cesarea Terme, questa piccola perla incanta con la sua bellezza. Colori unici e mare limpido, trasformano il paesaggio in qualcosa di magico.

Un luogo talmente bello da decidere di andarci a vivere… Forse l’avrà pensato anche Enea, quando per la prima volta approdò su questi scogli.

Porto Badisco, la Grotta dei Cervi

Nell’Eneide di Virgilio si narra che Porto Badisco fu il primo approdo di Enea, dopo la fuga da Troia. Chissà se non l’avrà pensato anche lui di stabilirsi su questa fetta di Salento. Mi piace immaginarlo sdraiato su uno scoglio ad ammirare i colori di Porto Badisco!

“Dove due rocce spumeggiano d’acqua salato, mentre il porto rimane nascosto” Eneide (III 552) Condividi il Tweet

A proposito di scogli, gran parte della costa che va da Otranto a Santa Cesarea Terme è caratterizzata da roccia, per alcuni turisti non comodi. Anche se alla fine è solo questione di abitudine, su questi scogli i primi uomini ci hanno vissuto per centinania di anni.

Si avete letto bene, i primi uomini! Questo luogo del Salento è ricco di storia, non tutti sanno che qui sorge la famosa Grotta dei Cervi, sito di culto risalente a 8.000/5.000 anni fa.

La grotta è definita la Cappella Sistina della Preistoria per merito degli incredibili pittogrammi al suo interno. Purtroppo non è aperta al pubblico, ma negli ultimi anni la Grotta dei Cervi sta avendo sempre più risonanza mediatica, grazie proprio alla sua importanza!

Grotta dei Cervi - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Ingresso Grotta dei Cervi

Turismo di massa e ricci

Il periodo di maggior affluenza turistica è sicuramente l’estate, il Salento è una delle mete preferite in cui trascorrere le vacanze. Nei mesi estivi si assiste a una vera e propria invasione di massa. Una miriade di persone proveniente da ogni angolo del mondo, assalgono la piccola spiaggetta e gli scogli intorno.

Porto Badisco è famoso non solo per il mare, ma anche per il cibo. È il luogo ideale in cui assaggiare i buonissimi ricci di mare.

I mesi ideali per assaggiare i ricci sono quelli con la R (se non sbaglio perché sono quelli più freddi e si presume che il riccio si conservi meglio), che vanno da febbraio ad aprile e da luglio ad ottobre.

Porto Badisco è metà di tanti vip famosi! Mi ricordo ancora quando vidi Gianni Morandi seduto in un locale, il famoso Bar da Carlo, a mangiare ricci di mare. Chi frequenta la zona conosce bene quel bar, è una vera istituzione.

Porto Badisco - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Le scalette

Porto Badisco e dintorni

Spostandosi di un paio di chilometri da Porto Badisco si possono visitare due torri molto suggestive. Entrambe affacciate sul mare, le torri sono state costruite durante il regno di Carlo V (XVI secolo), con funzioni difensive. Una si trova sulla litoranea che porta a Otranto, denominata Torre Sant’Emiliano e la seconda, invece, si trova verso Santa Cesarea Terme, denominata Torre Minervino.

Torre Sant'Emiliano - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Torre Sant’Emiliano
Torre Minervino al tramonto, situata tra Porto Badisco e Santa Cesarea
Torre Minervino

Agriturismi a Porto Badisco

Ogni turista che viene in vacanza nel Salento è sempre curiosa di sapere dove mangiare piatti tipici della nostra terra. Qui sotto vi segnalo alcuni agriturismi della zona, in cui è possibile degustare prodotti locali:

  •  Tenuta Sant’Emiliano;
  •  Tenuta L’alba di Monte Matino;
  •  Grotta dei Cervi;
  •  Casa del Peperoncino;
  •  Masseria le Creste.

Porto Badisco hotel

Nel centro abitato di Porto Badisco esiste solo un piccolo hotel con qualche stanza, ma basta girare nei dintorni per trovare appartamenti privati in affitto. Molte delle strutture che ho elencato prima offrono alloggi e nei paesi vicini ci sono tante soluzioni che potrete valutare.

Suggerimenti su dove andare nel Salento:

A pochi chilometri da Porto Badisco vi consiglio di non perdervi la bellissima Baia di Porto Miggiano, mentre sulla costa ionica le spiagge di Porto Cesareo e Torre San Giovanni.

Concludo il mio post, con la speranza di avervi fatto venire, oltre che fame, anche la voglia di tuffarmi nel mare del Salento. Se avete bisogno di qualche informazione su Porto Badisco potete contattarmi tranquillamente, sarà un piacere aiutarvi.

➡ Leggi tutti i miei viaggi in giro per l’Italia!

Porto Badisco - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Fortino, scatto nottrno
Porto Badisco - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Fortino al tramonto
Porto Badisco - Viaggi tra le righe - Blog di Antonio Rotundo
Zona le Tagliate

8 risposte a “La magia di Porto Badisco”

  1. Interessante post e bellissime foto. Complimenti!

    1. Antonio Rotundo dice: Rispondi

      Ti ringrazio Giuseppina 😉👏 Ci vediamo nei prossimi post!

  2. Semplicemente Wow!!!Attendo il prossimo post😉

    1. Antonio Rotundo dice: Rispondi

      Grazie Mariangela ☺👍 Al prossimo post!

  3. Bravisssssimo (non avevo dubbi): descrizione perfetta e…. la voglia di visitare è stata stuzzicata al massimo.
    Continua così è ci sentiamo come sempre su Instagram 👋👋

    1. Antonio Rotundo dice: Rispondi

      Ti ringrazio! Sei gentile come sempre, ci becchiamo su Instagram 😉

    1. Antonio Rotundo dice: Rispondi

      Grazie Carlo 😉

Lascia un commento